Home > > Scheda Sintetica

Intervento Ferrovia Novara-Malpensa-Seregno: potenziamento
Data ultimo
aggiornamento
17/1/2011 Settore Ferrovie Vedi tutti i progetti dello stesso settore
     
CRONO PROGRAMMA
Prossima fase Rispetto dei tempi Inizio lavori Ultimazione opera
2010 In ritardo   2005 Dicembre   2012
 
STATO DI AVANZAMENTO
 
Vedi dettagli >>

1. Potenziamento tratta Novara-Malpensa
Tra Novara e Malpensa esiste già una linea ferroviaria di 33 km, dei quali però 20 sono ancora a binario unico, mentre 13 sono a doppio binario (quindi 1/3 del tracciato). La capacità potenziale è di 90 treni al giorno, anche se quella effettiva attuale è di 32/33 treni al giorno, quindi la capacità non rappresenta una criticità.
Il vero motivo del recupero della linea è quello di eliminare i nodi e aumentare la velocità (portare a 20 minuti la durata del collegamento).
Gli interventi previsti sono:
- il doppio binario anche tra Magnago e Vanzaghello per una lunghezza di 3 km: i lavori sono iniziati nella primavera del 2006; il raddoppio si è concluso nel gennaio 2007; nell'ottobre 2008 si sono conclusi gli ultimi lavori concernenti l'eliminazione dei passaggi a livello e la costruzione della nuova stazione di Vanzaghello.
- una doppia linea fino alla nuova stazione di Novara (estensione integrata della stazione di Novara Centrale). Nell'aprile 2005 è stata attivata la nuova stazione di Novara connessa con la linea ad alta capacità Torino-Milano. Tuttavia al momento manca un servizio diretto tra Torino e Malpensa. Non verrà invece toccato il ponte sul Ticino né la tratta all’interno dei Parchi (anche se questo obbliga a un rallentamento della velocità a 60 km/h).
- doppio binario tra Castano Primo e Turbigo: la conferenza dei Servizi sul progetto definitivo si è conclusa, con ritardo rispetto a quanto ipotizzato inizialmente (febbraio 2006), nel luglio 2006; nel corso del 2007 FNM ha predisposto le modifiche al progetto definitivo e la Regione Lombardia lo ha approvato con proprio decreto, mettendo anche a disposizione ulteriori 2,5 milioni di euro necessari a realizzare l'opera.
Ulteriori modifiche al progetto, richieste in sede di Conferenza dei Servizi, hanno determinato un posticipo dell'appalto integrato dalla primavera del 2008 all luglio 2009. E' in corso l'analisi della documentazione per l'aggiudicazione della gara, prevista entro il marzo 2010.
l'inizio dei lavori è previsto per la fine del 2010 e il termine per la fine del 2012.
- collegamento con la variante ferroviaria di Galliate per servire meglio Cameri (anche se resta di competenza TAV e CAVTOMI l’interconnessione tra la linea lenta e quella veloce). Nel marzo 2005 il CIPE ha approvato in linea tecnica il progetto preliminare. Nell'ottobre 2007 è stato inviato il progetto definitivo al Ministero delle Infrastrutture per l'approvazione e per lo stanziamento dei 79 milioni di euro mancanti (sono disponibili 15 milioni di euro). Nella primavera del 2008 si è tenuta la Conferenza dei Servizi, ma manca ancora l'approvazione del progetto definitivo da parte del CIPE, con lo stanziamento delle risorse mancanti. A quel punto si potrà procedere con l'appalto integrato.

2. Interramento e raddoppio nodo di Castellanza.
Nel gennaio 2005 sono iniziati i lavori del tunnel, completati nella primavera del 2007.
Nel maggio 2006 sono iniziati i lavori sugli ultimi due lotti:
a) allestimento rampe di accesso al tunnel (la rampa lato Rescaldina è stata completata nel corso del 2009, mentre la rampa lato Busto Arsizio è in fase di completamento).;
b) collegamento tra la linea FNM con la stazione RFI di Busto Arsizio: completato nel giugno 2008.

3. Potenziamento tratta Saronno-Seregno
In data 21 maggio 1999 FNM ha presentato il progetto preliminare dell'opera alla Regione Lombardia. In data 27 giugno 2002 si è conclusa positivamente la Conferenza di Servizi. In sede di accordo preliminare tra Regione Lombardia e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sono stati stanziati 25.822.844,95 Euro (risorse finalizzate al potenziamento dei collegamenti ferroviari con l’aeroporto di Malpensa 2000, previste dalla legge 8.10.98, n. 354). La Regione ha stanziato 223.109,38 Euro.
Nel marzo 2003 è stato presentato il progetto preliminare al CIPE per l'inserimento in Legge Obiettivo. Nel settembre 2004 il CIPE ha approvato il progetto preliminare. Ad agosto 2005 FNM ha consegnato al CIPE il progetto definitivo.
La Conferenza dei Servizi indetta dal CIPE ha avuto esito positivo e nella seduta del 22 marzo 2006 il CIPE ha approvato il progetto definitivo dell'opera per un costo di 75,5 milioni di euro. Il progetto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel settembre 2006.
Nell'ottobre 2007 si è chiusa la gara per l'appalto integrato per la progettazione esecutiva e la realizzazione degli interventi.
Ad agosto 2008 è stato firmato il contratto con il vincitore della gara ma, a seguito del fallimento dello stesso, i cantieri che avrebbero dovuto aprire nel giugno 2009 per concludersi nel 2011 non sono stati avviati.
Il 29 settembre 2009 è stato stipulato un nuovo contratto diappalto con ilsecondo classificato; attualmente è in corso la progettazione esecutiva, che si concluderà il 31 marzo 2010.
Chiudi dettagli >>
Risorse e
Copertura finanziaria
  78,00%
Vedi dettagli >>

Per la tratta Novara-Malpensa mancano circa 87 milioni di euro per la variante di Galliate, la cui realizzazione consentirà anche di instradare i treni dalla linea AV/AC alla linea per Malpensa.
Il nodo di Castellanza e la tratta Saronno-Seregno risultano invece completamente finanziate.
Chiudi dettagli >>

CRITICITA' 

  Politiche
   
  Tecniche Vedi dettagli >>
   

Manca un servizio di collegamento diretto tra Torino e Malpensa.
Attualmente un eventuale servizio è possibile senza rotture di carico solo lungo la linea storica, mentre l'utilizzo della linea AV/AC Milano-Torino comporta una rottura di carico alla stazione di Novara.
La realizzazione della Variante di Galliate, che comprende anche la connessione tra la linea storica e la linea AV/AC, consentirebbe l'attivazione di un servizio diretto tra Torino e Malpensa utilizzando la rete AV/AC.
Nodo di Castellanza: la crisi economica in cui versa la società appaltatrice per i lavori del nodo di Castellanza faranno slittare l'apertura dell'opera al 31 gennaio 2010.
Tratta Saronno-Seregno: a seguito del fallimento della società vincitrice della gara e della stipula di un nuovo contratto d'appalto con il secondo classificato, l'avvio dei cantieri è previsto per la metà del 2010, con un ritardo di un anno rispetto alle previsioni iniziali.
Chiudi dettagli >>
  Finanziarie Vedi dettagli >>
   

Devono essere reperiti circa 79 milioni di euro per la variante di Galliate, approvata dal CIPE solo in linea tecnica.
Chiudi dettagli >>