Home > > Scheda Sintetica

Intervento Metropolitana di Torino - Linea 2
Data ultimo
aggiornamento
3/2/2016 Settore Trasporto pubblico locale Vedi tutti i progetti dello stesso settore
     
CRONO PROGRAMMA
Prossima fase Rispetto dei tempi Inizio lavori Ultimazione opera
Affidamento dell’incarico dello studio di fattibilità e della progettazione preliminare di tutta la linea 2 della metropolitana seguendo l’articolazione dei lotti funzionali.    
 
STATO DI AVANZAMENTO
 
Vedi dettagli >>

Con la delibera n.649 del 10 giugno 2008 la Giunta Torinese ha approvato, in linea tecnica, il piano di fattibilità del tracciato della Linea 2 della Metropolitana.

Il 15 giugno 2009 il Consiglio Comunale di Torino ha approvato la variante strutturale 200 al Piano Regolatore, che permetterà la riqualificazione dell’area di Barriera di Milano, e dalla conversione delle aree dismesse si potranno ricavare le risorse per co-finanziare almeno una parte della linea 2 della metropolitana.

La nuova linea avrà una lunghezza di circa 21 km, correrà lungo l’asse Nord-Sud dalla stazione Rebaudengo a Mirafiori e fino al Comune di Orbassano, passando per il centro.
Sarà divisa in tre lotti funzionali:
- primo lotto dalla stazione Rebaudengo a Porta Nuova (7.2 km);
- secondo lotto da Porta Nuova al cimitero di Mirafiori (7.6 km);
- terzo lotto da Mirafiori ad Orbassano (6 km)

Per i lotti torinesi il costo è di circa 1.2 miliardi di euro.

L’operazione della variante 200 riguarda il primo lotto, da circa 600 milioni di euro (fra Comune, Stato e Regione) che lambirà le aree ancora da sviluppare di Spina 4, l’ospedale San Giovanni Bosco, il trincerane ferroviario degradato di Corso Sempione, l’ex scalo Vanchiglia e l’ex Manifattura Tabacchi.

29 settembre 2009: la giunta comunale ha approvato il progetto preliminare della prima tratta del primo lotto. Il progetto approvato riguarda i circa 1350 metri del tratto tra la stazione Rebaudengo e l’ospedale Giovanni Bosco. Questa parte della linea 2, con 3 fermate, correrà in una galleria larga 7 metri lungo la trincea ferroviaria dimessa, la cui successiva copertura consentirà di ricucire due parti ora separate del quartiere e di ricavare aree verdi e parcheggi.
Spesa prevista per questo tratto: 100 milioni di euro, di cui il 60% a carico dello Stato. Il restante 40% dovrebbe essere coperto dalla vendita dei diritti edificatori afferenti alle aree di Spina 4.

16/12/2010 la Commissione Urbanistica del Consiglio Comunale, ha liberato la delibera riguardante il progetto preliminare inerente la Variante 200 al Piano Regolatore.

Nel mese di Novembre 2012 è iniziata l’attività per la redazione del Masterplan (piano economico finanziario e piano di valorizzazione e investimento legato alla Variante 200 della Città di Torino).

Il 30 Dicembre 2014 la Giunta Comunale ha deliberato (in sintesi):
1) le modifiche al tracciato della Linea 2 di metropolitana rispetto allo studio di fattibilità già approvato con deliberazione delle Giunta Comunale (mecc. 2008 03426/022) in data 10 giugno 2008, con collocazione del capolinea sud in piazza Caio Mario;
2) la suddivisione del tracciato in lotti funzionali di intervento (vd mappa);
3) di affidare alla società Infra.To l’incarico di effettuare gli studi e gli approfondimenti occorrenti alla verifica sulla fattibilità tecnica della soluzione ipotizzata;
4) di demandare a successivi provvedimenti deliberativi, l’individuazione delle modalità di attuazione del progetto per lotti funzionali;

Il 20 ottobre 2015, in vista dell'elaborazione di un bando a novembre 2015, si decidono le linee guida della futura metropolitana, con carrozze ad alta tecnologia, 27 fermate su 14 chilometri, un tracciato che non prevederebbe più l'uso del passante ferroviario ma un itinerario completamente in sede propria, due capilinea a Rebaudengo in zona nord e Cimitero Parco a Sud e due diramazioni in estensione, verso Pescarito a Nord e verso Piazzale Caio Mario a Sud.
Chiudi dettagli >>
Risorse e
Copertura finanziaria
  50,00%
Vedi dettagli >>

600 milioni potrebbero arrivare dalla vendita a investitori immobiliari di aree comunali rese edificabili grazie alla variante 200 al PRG (Oggetto specifico del Masterplan in corso di redazione).
Chiudi dettagli >>

CRITICITA' 

  Politiche
   
  Tecniche
   
  Finanziarie