Home > > Scheda Sintetica

 
clicca per ingrandire
Intervento Ferrovia alta capacità Genova-Milano-Novara (Terzo Valico appenninico)
Data ultimo
aggiornamento
15/5/2013 Settore Ferrovie Vedi tutti i progetti dello stesso settore
     
   
 
CRONO PROGRAMMA
Prossima fase Rispetto dei tempi Inizio lavori Ultimazione opera
2012 In ritardo     2020
 
STATO DI AVANZAMENTO
 
Vedi dettagli >>

La progettazione preliminare è stata approvata dal CIPE il 29/09/03 unitamente allo Studio di Impatto Ambientale.
Il progetto definitivo è stato presentato nel settembre 2005 e l'approvazione finale del progetto è stata deliberata dal CIPE del 29 marzo 2006.
Chiudi dettagli >>
Risorse e
Copertura finanziaria
  23,87%
Vedi dettagli >>

La Delibera del CIPE di approvazione del Progetto Preliminare ha autorizzato Rfi a attivare un mutuo per 319 milioni di euro per i lavori di cantierizzazione e viabilità.
Il dossier economico-finanziario approvato dal CIPE il 18 marzo 2005 prevedeva la copertura dei costi tramite Ispa (poi incorporata nella Cassa Depositi e Prestiti), attraverso un prestito il cui canone di restituzione avrebbe dovuto decorrere dal 2012 (data presunta di entrata in esercizio della linea) a valere parte sui ricavi di mercato (15%) e parte con risorse proprie nazionali e/o comunitarie. Nel periodo antecedente era previsto l'intervento a carico dello Stato per la copertura degli interessi intercalari.
La delibera del CIPE del 3 agosto 2005 ha elevato di 148 milioni di euro il costo del progetto preliminare come stabilito dalla delibera n. 78 del 2003 per aggiornamento monetario, portandola all'ammontare complessivo di 4.867 milioni di euro. La delibera CIPE del 29 marzo 2006 ha portato a 4.979 milioni di euro il costo complessivo dell'opera. La Legge finanziaria per il 2006 ha stanziato ulteriori 225 milioni di euro per la Milano-Genova e la Milano-Verona. Il DPEF 2007-2011 indicava la necessità di confermare i finanziamenti a carico di ISPA.
Il tavolo di ricognizione sullo stato di attuazione della Legge obiettivo ha definito in 198 milioni di euro le disponibilità attualmente esistenti sul progetto (30 ottobre 2006).
Nel contratto di programma Ministero delle Infrastrutture-RFI l'opera figura in tabella B, opere prioritarie da avviare, con costo pari a 5.060 milioni euro e disponibilità per 197.
Il CIPE, nella seduta del 6 marzo 2009, ha ricompreso la linea AV/AC Milan-Genova tra gli interventi da finanziarsi con un importo globale di 2.750 milioni di euro (da ripartirsi con le linee AV/AC Milano-Verona, AV/AC Bologna-Firenze e Pontremolese).
Il DPEF 2009 prevede un finanziamento di 500 milioni di euro, a partire dal 2010, confermato dalla delibera CIPE del 6 novembre 2009. Il CIPE (nelle sedute del 18 novembre 2010 e 6 dicembre 2011) ha approvato gli stanziamenti per i primi due lotti costruttivi, rispettivamente di 500 e 1100 milioni di euro; successivamente, la riunione del CIPE del 18 marzo 2013 ha ridotto il finanziamento del secondo lotto di 240 milioni, da destinare a interventi di manutenzione sulla rete ferroviaria esistente.
Chiudi dettagli >>

CRITICITA' 

  Politiche Vedi dettagli >>
   

Rapporto con le popolazioni e amministrazioni locali interessate dai cantieri.
Chiudi dettagli >>
  Tecniche
   
  Finanziarie Vedi dettagli >>
   

Connesse all'esecuzione del piano economico-finanziario.
La Legge Finanziaria 2010 prevede le condizioni alle quali può essere autorizzato l'avvio della realizzazione di primi lotti costruttivi di opere inserite nella rete dei corridoi TEN-T e nel programma nazionale delle infrastrutture strategiche (come il Terzo Valico). Il crono programma elaborato da RFI prevede l'esecuzione di 6 lotti costruttivi dei quali risultano finanziati integralmente i primi due lotti, per un importo complessivo di 1.600 milioni di euro, successivamente decurtati di 240 milioni di euro dal CIPE nella riunione del 18/3/13, per finanziare interventi urgenti di manutenzione sulla rete ferroviaria esistente.
Mancano coperture finanziarie per 4.720 milioni di euro.
La Legge Finanziaria 2008 introduce importanti novità con riferimento alla gestione dell'extragettito fiscale derivante dall'attività di importazione dei porti ai fini della realizzazione delle infrastrutture portuali e di trasporti via terra.
Chiudi dettagli >>